testata giornalistica diretta dal Prof. Luca Filipponi
Data di Pubblicazione: 09-06-2011
Data di Scadenza: 00-00-0000
Data di Pubblicazione: 06-06-2011
Data di Scadenza: 00-00-0000
Data di Pubblicazione: 06-06-2011
Data di Scadenza: 00-00-0000
Data di Pubblicazione: 13-05-2011
Data di Scadenza: 00-00-0000
Data di Pubblicazione: 13-03-2009
Data di Scadenza: 31-05-2009
Data di Pubblicazione: 06-04-2008
Data di Scadenza: 00-00-0000
 
CE-Bruxelles-08-08-2007
MIGLIORARE LA FORMAZIONE DEI DOCENTI
La Commissione approva una serie di proposte

La Commissione europea ha approvato oggi una serie di proposte per migliorare la qualità della formazione degli insegnanti nell'Ue. Insegnanti di ottimo livello sono un requisito essenziale per un'istruzione e una formazione di qualità elevata, a loro volta fattori determinanti per la competitività europea a lungo termine nonché per la possibilità di creare posti di lavoro e crescita. Se adottate dagli Stati membri, le proposte approvate oggi consentiranno all’Unione europea di formare la forza lavoro altamente qualificata necessaria per far fronte alle sfide del XXI secolo. Ján Figel’, commissario europeo responsabile per l’istruzione, la formazione, la cultura e i giovani, ha affermato che "un insegnamento e una formazione migliori sono fattori decisivi per la competitività a lungo termine dell'Ue, in quanto una forza lavoro altamente qualificata è una forza lavoro più produttiva. Dobbiamo fare in modo che l'Ue disponga di insegnanti di qualità elevata se vogliamo che le riforme del sistema scolastico intraprese dagli Stati membri abbiano un esito positivo. Si constata però nell'Ue un’evoluzione preoccupante, perché la maggior parte degli Stati membri denunciano carenze nella preparazione degli insegnanti e difficoltà nel loro aggiornamento. Nella comunicazione odierna la Commissione, nell'ambito delle proprie competenze, invita gli Stati membri ad affrontare questi problemi proponendo una serie di orientamenti e principi operativi comuni". Per preparare i propri allievi ad una società europea in cui il fattore conoscenza va acquistando un peso sempre maggiore, gli insegnanti sono chiamati a trasmettere loro un nuovo ventaglio di competenze, che spesso richiedono nuovi metodi di insegnamento. Gli insegnanti devono inoltre confrontarsi sempre più spesso con classi formate da allievi molto diversi tra loro per cultura, lingua materna, livelli di competenze ed esigenze specifiche. Molti insegnanti si dichiarano tuttavia a disagio nell'uso delle nuove tecnologie in classe. Inoltre, come appare dall’analisi condotta dalla Commissione europea, i sistemi di formazione degli insegnanti esistenti negli Stati membri spesso non forniscono agli insegnanti gli strumenti di cui necessitano. In alcuni Stati membri manca un coordinamento sistematico tra i diversi elementi della formazione degli insegnanti; ne deriva una mancanza di coerenza e di continuità, in particolare tra la formazione professionale iniziale e le fasi successive di orientamento, perfezionamento e aggiornamento. L'analisi della Commissione rivela inoltre la scarsità di investimenti nella formazione continua e nel perfezionamento professionale del personale insegnante. Ad esempio: il perfezionamento o aggiornamento professionale è obbligatorio soltanto in 11 Stati membri (Austria, Belgio, Estonia, Finlandia, Germania, Lituania, Lettonia, Malta, Romania, Regno Unito, Ungheria); quando esistono, i corsi di perfezionamento professionale hanno generalmente una durata inferiore a 20 ore annue, per un massimo di cinque giorni all'anno; soltanto in metà dei paesi europei i nuovi insegnanti possono contare su un sostegno sistematico (servizi di orientamento, formazione, tutoraggio) durante il primo anno di insegnamento. La Commissione europea opera a stretto contatto con gli Stati membri per migliorare la qualità della formazione degli insegnanti nell'Ue, nel quadro di un processo generale di cooperazione politica nel settore dell'istruzione e della formazione che incentiva e appoggia le riforme nazionali. Tale cooperazione ha portato alla presente comunicazione della Commissione, che definisce un quadro comune per le azioni volte a migliorare la qualità della formazione degli insegnanti. Il documento risponde alla richiesta formulata nel 2004 nella relazione comune del Consiglio e della Commissione sull'attuazione della strategia di Lisbona nei settori dell'istruzione e della formazione, che esprimeva la necessità di definire una serie di principi europei comuni finalizzati a migliorare le competenze e le qualifiche di insegnanti e formatori. La comunicazione fornisce agli Stati membri una serie di orientamenti di massima a cui le loro iniziative dovrebbero improntarsi: garantire che tutti gli insegnanti posseggano le conoscenze, gli strumenti e le competenze necessari per svolgere il proprio lavoro in modo efficace; assicurare il coordinamento, la coerenza e l’adeguato finanziamento di tutti i provvedimenti riguardanti la formazione e lo sviluppo professionale degli insegnanti; promuovere la diffusione tra gli insegnanti di una cultura della ricerca e della riflessione; valorizzare lo status professionale degli insegnanti; migliorare la professionalità dell’insegnamento.

 




Europanews Periodico di informazione online della testata giornalisitica Giovani europei
iscritta presso il Tribunale di Spoleto reg. n°91 rilasciata il 25/03/1997
Direttore responsabile - Prof. Luca Filipponi eugiov@tin.it Direttore - Prof. Marcello Bemporad
In redazione - Angelica Mariotti, Elisabetta Placanica, Riccardo Luccioli - e-mail: medialux@tin.it
L'invio di informazioni e documenti di qualsiasi natura si intenderà a titolo gratuito, ed il diritto irrevocabile di usare, pubblicare, riprodurre ed eventualmente modificare il sopraccitato materiale